venerdì 4 novembre 2016

McEwan, Espiazione

    Pubblicato nel 2001, scritto dall'autore inglese Ian McEwan, "Espiazione" è un romanzo che ruota delicatamente intorno al tema del senso di colpa, per poi affondare il colpo ed entrare nel vivo della storia.


Struttura e trama: cenni
   La lettura all'inizio procede lenta e dettagliata, garantendo una comprensione onnicomprensiva dei punti di vista dei diversi personaggi, in modo che i pochi fatti narrati, accaduti nel giro di pochi giorni di una calda estate del 1935, risultino chiari. La prima parte del testo è pertanto suddivisa in vari capitoli, raccontati secondo la prospettiva dei personaggi principali, i quali sono: Briony, una ragazzina di 13 anni, ordinata e appassionata di scrittura; Cecilia, detta Cee, la sorella maggiore di Briony, che a differenza sua è totalmente disordinata; Robbie, il figlio della cameriera, coetaneo ed amico d'infanzia di Cee, i cui studi vengono sostenuti economicamente dal padre delle due sorelle. Queste ultime hanno anche un fratello, l'amatissimo Leon, il cui ritorno a casa genera frenesia soprattutto nella piccola di famiglia, che ha scritto un'opera teatrale, "Le disavventure di Arabella", da mettere in scena per l'occasione. A recitare nella rappresentazione saranno coinvolti anche i cugini: Lola e i gemelli, Jackson e Pierrot. Tutto è pronto per l'atteso ritorno... Ma qualcosa va storto. Non solo le prove della rappresentazione saltano, nella sera tanto aspettata succede qualcosa che cambierà per sempre le vite dei personaggi e l'andamento del racconto.
   Il futuro dei ragazzi si trasformerà inesorabilmente. L'ambizione di Robbie di iniziare gli studi in medicina si perde nell'ingiusta accusa di violenza nei confronti di Lola, accusa alimentata è testimoniata dalla piccola Briony, la quale si macchierà del senso di colpa che segna il passaggio dall'infanzia all'età adulta. Il percorso di espiazione è lungo. Il desiderio innato di controllo di Briony si dissolve, ora che tutto è andato in frantumi, e le sue aspirazioni letterarie vengono tenute segrete per il bisogno di concretezza che si riduce al seguire le impronte della sorella più grande.
Locandina del film "Espiazione",
tratto dall'omonimo romanzo.
   La seconda e la terza parte del romanzo descrivono, cinque anni dopo, la vita rispettivamente di Robbie e Briony, fino allo snodo finale, quando l'espiazione letteraria si compie, quando la rielaborazione del senso di colpa attraverso la scrittura libera la protagonista dal suo errore, che ha cancellato il calore familiare ed è venuto a combaciare con l'orrore della guerra.

   Ma di chi era la colpa della falsa testimonianza che ha cambiato il destino di tutti? Di una ragazzina che creava storie nella sua fantasia o di chi ha taciuto e si è sentito protetto da tale menzogna? L'interrogativo rimane aperto. L'espiazione della protagonista per liberarsi dal suo peso interiore coincide con quella del lettore che finisce col comprenderla, in un meccanismo paragonabile a quello di Nabokov, in "Lolita", dove il carnefice viene quasi giustificato grazie al filtro del narratore e delle parole.

   Un libro senz'altro da leggere con piacere e interesse, scritto con stile impeccabile, che ti cattura tutto ad un tratto in una storia vorticosa che appariva falsamente lineare. Consigliato a chi ha voglia di immergersi in un libro che ha bisogno del giusto tempo per essere compreso. 

Nessun commento:

Posta un commento